Filtra per tipo

Impatti dei cambiamenti climatici sulla zona costiera del Messico: un approccio integrato dell'ecosistema nel Golfo del Messico per sostenere la legislazione sulla gestione delle zone costiere

Creato: 1 / 07 / 2010 - Aggiornato: 7 / 10 / 2019

Questa Immagine è stato rilasciato nel pubblico dominio perché contiene materiali originariamente provenienti dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) degli Stati Uniti. Nessuna approvazione da parte del licenziante implicita.

sommario

La zona costiera del Golfo e le coste caraibiche del Messico sono estremamente vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici. Queste aree sono già minacciate dal degrado degli habitat, dalla frammentazione degli ecosistemi, dall'aumento dello sviluppo e dalla crescita della popolazione, e dalla mancanza di una legislazione sulle zone costiere per guidare la gestione e la protezione. Vi è l'urgente necessità di sviluppare un piano strategico ambientale integrato per la zona costiera con il coinvolgimento di governi, settori universitari e parti interessate e di sviluppare un programma e una legislazione regionale per le zone costiere.

sfondo

La zona costiera del Golfo del Messico e dei Caraibi è estremamente vulnerabile agli impatti dei cambiamenti climatici, in particolare l'innalzamento del livello del mare. Le aree più vulnerabili sono gli stati costieri di Veracruz, Tabasco, Campeche (Golfo del Messico) e Quintana Roo (Caraibi). Il Messico ha oltre 11,000 km di aree costiere (est e ovest), ma non ci sono leggi che proteggono la zona costiera. Esistono leggi sull'equilibrio ecologico che proteggono gli habitat in alcune aree ma non tengono conto della vulnerabilità e degli impatti previsti del clima nella zona costiera. Lo sviluppo urbano ha colpito in modo significativo gli ecosistemi costieri, comprese le aree marginali di mangrovie, le dune della spiaggia, le zone poco profonde di alghe e le barriere coralline. Le pressioni di sviluppo, combinate con gli impatti dei cambiamenti climatici e la mancanza di regolamenti e programmi di adattamento, rendono le coste estremamente vulnerabili. Questo progetto funge da caso di studio per sostenere lo sviluppo futuro delle leggi sulle zone costiere al fine di proteggere le zone umide costiere come un modo per adattarsi ai cambiamenti climatici e all'innalzamento del livello del mare.

Implementazione

Questo progetto analizza gli impatti sulle zone costiere del Golfo del Messico e fornisce raccomandazioni su come mitigare, adattare e costruire supporto per la legislazione sulle zone costiere. La rete INECOL per la gestione dell'ambiente e della sostenibilità degli ecosistemi costieri ha collaborato con l'Istituto di ricerca e tecnologia Agrifood (IRTA), l'Istituto acquatico di ecosistemi (Catalogna, Spagna), la Louisiana State University (USA), la Texas A & M University (USA), l'Atmospheric Science Center National Autonomous University del Messico (UNAM), Earth Science Center Università di Veracruz, in Messico, e Dalhousie University (Canada), per rivedere il progetto e fornire raccomandazioni sullo studio degli impatti e sulle opzioni di mitigazione e adattamento.

Il progetto è stato lanciato in 2008 e le raccomandazioni sono state completate in 2010. Il progetto si concentra su cinque aree principali: mitigazione, adattamento, sostegno delle parti interessate, benefici per la comunità e impatti (positivi e negativi) sulla biodiversità costiera e le aree naturali. Le raccomandazioni per la mitigazione includevano la riabilitazione degli habitat e il ripristino delle aree costiere (dune, zone umide costiere, pianura costiera, lagune costiere ed estuari) e il recupero del flusso idrologico disturbato dall'agricoltura costiera e dall'industria petrolifera e del gas. Priorità di adattamento focalizzate sulla protezione delle mangrovie di nuova costituzione a causa dell'aumento delle temperature e dell'aumento del pennacchio di estuario nella regione. Queste aree sembrano già adattarsi all'innalzamento del livello del mare e alle temperature elevate.

Le parti interessate che hanno sostenuto e contribuito alla guida del processo hanno incluso organizzazioni non governative, il ministro della protezione civile dello Stato e varie università. Il progetto si concentra sui benefici della mitigazione e dell'adattamento per le comunità locali, nonché sugli impatti e gli effetti dei cambiamenti climatici sulla zona costiera.

Risultati e conclusioni

Il progetto è ancora in corso, ma è stata completata la prima fase di analisi degli impatti e l'esame delle possibili raccomandazioni. Analisi e raccomandazioni sulla legislazione devono ancora essere sviluppate. Questa analisi servirà da guida e modello per l'attuazione di un programma di zona costiera in Messico e contribuirà allo sviluppo di un piano strategico ambientale (ESP). Il progetto produrrà una serie di strumenti necessari per implementare un ESP, come linee guida e metodi di best practice per l'implementazione e il monitoraggio del programma. Una volta sviluppato, l'ESP guiderà la direzione dello stato e la politica nazionale sulle zone costiere e affronterà gli impatti dei cambiamenti climatici legati agli uragani, alluvioni, innalzamento del livello del mare, intrusione di acqua salata, costiera ed erosione della spiaggia.

Stato

Informazioni raccolte da interviste e risorse online, 4 / 2010

Citazione

Punteggio, A. (2010). Impatti dei cambiamenti climatici sulla zona costiera del Messico: un approccio integrato dell'ecosistema nel Golfo del Messico per sostenere la legislazione sulla gestione delle zone costiere [Case study su un progetto di INECOL - Instituto de Ecología, AC]. Prodotto di EcoAdapt's Stato del programma di adattamento. Estratto da CAKE: http://www.cakex.org/case-studies/impacts-climate-change-coastal-zone-me... (Ultimo aggiornamento di aprile 2010)

Contatti del progetto

L'Istituto di ecologia (INECOL; Instituto de Ecología, AC) è un istituto di ricerca strategico pubblico in Messico che conduce lo sviluppo della tecnologia scientifica, lo sviluppo sociale e la conservazione del patrimonio naturale a sostegno della ricerca in ecologia e biodiversità. INECOL è stato formalmente creato August 7, 1975 ed è stato il primo istituto nel paese a concentrarsi sull'ecologia. Attraverso la ricerca applicata, la missione di INECOL è quella di generare conoscenza degli ecosistemi del Messico per supportare la gestione e la protezione delle risorse.

parole

Scala del progetto:
Nazionale / Federale
Regionale / Subnazionale
Stato / Provinciale
Settore interessato:
Acquacoltura
Conservazione / Restauro
Sviluppo (socioeconomico)
Pesca
Pianificazione dell'uso della terra
Politica
Obiettivi Cambiamenti e impatti climatici:
Temperatura dell'aria
Malattie o parassiti
Economia
Erosione
Raccolta della pesca
Allagamento
Estensione dell'habitat
Rischi per la salute pubblica
Minacce alla sicurezza pubblica
Salinizzazione / intrusione di acqua salata
Innalzamento del livello del mare
Turismo
qualità dell'acqua
Fornitura d'acqua
Temperatura dell'acqua
Tipo di clima:
Tropicale
Subtropicale
Lasso di tempo:
In corso
Tipo di azione / strategia di adattamento:
Gestione / conservazione delle risorse naturali
Incorporare le condizioni future nella pianificazione e nelle politiche delle risorse naturali
Costruzione delle capacità
Istituzioni di progettazione o riforma
Pianificazione e gestione coordinate
Condotta / Raccogli ulteriori ricerche, dati e prodotti
Condurre valutazioni e studi sulla vulnerabilità
Avvia un programma di ricerca mirato
Monitorare gli impatti dei cambiamenti climatici e l'efficacia di adattamento
Governance e politica
Creare nuove o migliorare le politiche o i regolamenti esistenti
Fase dello sforzo:
in corso
Parole chiave / tag:
costiero

Traduci questa pagina