Filtra per tipo

Sud Africa: pianificazione basata sull'ecosistema per i cambiamenti climatici

Caroline Petersen e Stephen Holness
Creato: 12 / 31 / 2010 - Aggiornato: 8 / 16 / 2019

astratto

Il Sudafrica è uno dei paesi mega-diversificati di 17 sul pianeta, che ospita tre punti caldi della biodiversità e quasi il 15% di specie marine e costiere conosciute. Nell'ultimo decennio, il Sudafrica ha incorporato le informazioni sulla biodiversità nella pianificazione dello spazio e dello sviluppo e ha creato una strategia nazionale per l'espansione delle aree protette per conservare la biodiversità e promuovere la resilienza degli ecosistemi.

I piani settoriali della biodiversità, che includono mappe delle aree critiche della biodiversità e aree di sostegno agli ecosistemi, sono in uso in sette delle nove province del paese. Questi piani sono progettati per guidare la pianificazione dell'uso del suolo e il processo decisionale di tutti i settori che incidono sulla biodiversità come l'edilizia abitativa, l'agricoltura, la conservazione e l'industria. La pianificazione sistematica della biodiversità è stata anche utilizzata per mappare le aree importanti di 44 che catturano l'intera gamma dei modelli e dei processi ecologici della Sudafrica e potrebbero costituire la base per l'espansione della proprietà protetta del paese.

In alcune province e distretti si sono registrati progressi significativi nel passaggio dall'avvio di piani per la loro effettiva attuazione sul campo, con conseguente reale integrazione della biodiversità e delle priorità di adattamento ai cambiamenti climatici nelle politiche, nei programmi e nelle attività quotidiane lavoro di altri settori. Tuttavia, questi non sono riconosciuti come priorità nazionali urgenti e competono per le risorse con molte altre sfide di sviluppo. La lezione è che disporre di prodotti all'avanguardia per la pianificazione della biodiversità non garantisce che saranno effettivamente utilizzati per guidare lo sviluppo appropriato o una gestione saggia della biodiversità; per questo, sono necessari sforzi più attivi per lo sviluppo di capacità per pianificatori dell'uso del territorio, decisori, scienziati, ONG e altri attuatori.

Pubblicato su

Sabato, gennaio 1, 2011

parole

Scala:
Nazionale / Federale
Settore interessato:
Conservazione / Restauro
Politica
Ricerca
Obiettivi Cambiamenti e impatti climatici:
Fuoco
Allagamento
Tempeste o eventi meteorologici estremi
Tipo di azione / strategia di adattamento:
Gestione / conservazione delle risorse naturali
Incorporare le condizioni future nella pianificazione e nelle politiche delle risorse naturali
Crea nuovi refugia / Aumenta le dimensioni e la quantità di aree protette
Governance e politica
Tipo di clima:
Temperato

Traduci questa pagina